aggiornato il 21/10/2021

Misure limitazione impianti riscaldamento contenimento inquinamento: ORDINANZA

... estratto ...

O R D I N A

a decorrere dal 01/10/2021 al 30/04/2022, dal lunedì alla domenica nell’intero territorio comunale

con livello nessuna allerta – colore verde:

la temperatura media in ambiente, misurata ai sensi del D.P.R. 74/2013, non • potrà superare i:

? 19°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/1993, con le

sigle:

• E.1 - residenza e assimilabili;

• E.2 - uffici e assimilabili;

• E.4 - attività ricreative o di culto e assimilabili;

• E.5 - attività commerciali e assimilabili;

• E.6 - attività sportive;

• E.7 - attività scolastiche e assimilabili;

? 17°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/1993, con la

sigla E.8 – attività industriali ed artigianali e assimilabili;

• il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (legna,

cippato, pellet,...) con una classe di prestazione emissiva:

? inferiore alle “3 stelle” secondo la classificazione ambientale introdotta dal Decreto n.

186/2017, in presenza di impianto di riscaldamento alternativo;

• divieto di combustioni all'aperto di materiale vegetale di cui all'art. 185, comma 1 lettera f) del

D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., anche se effettuate nel luogo di produzione e al fine del reimpiego del

materiale come sostanza concimante o ammendante, in ambito agricolo fatte salve le necessità di

combustione finalizzate alla tutela fitosanitaria di particolari specie vegetali disposte dalla

competente autorità;

con livello di allerta 1 – colore arancio:

• la temperatura media in ambiente, misurata ai sensi del D.P.R. 74/2013, non potrà superare i:

? 18°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/1993, con le

sigle:

? E.1 - residenza e assimilabili;

? E.2 - uffici e assimilabili;

? E.4 - attività ricreative o di culto e assimilabili;

? E.5 - attività commerciali e assimilabili;

? E.6 – attività sportive;

? E.7 - attività scolastiche

? 17°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/1993, con la

sigla E.8 – attività industriali ed artigianali e assimilabili;

• il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (legna,

cippato, pellet ...), con una classe di prestazione emissiva:

? inferiore alle “4 stelle” secondo la classificazione ambientale introdotta dal Decreto n.

186/2017, in presenza di impianto di riscaldamento alternativo;

• il divieto di combustioni all'aperto di materiale vegetale di cui all'art. 185, comma 1 lettera f) del

D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., anche se effettuate nel luogo di produzione e al fine del reimpiego del

materiale come sostanza concimante o ammendante, in ambito agricolo fatte salve le necessità di

combustione finalizzate alla tutela fitosanitaria di particolari specie vegetali disposte dalle

competenti autorità;

il divieto di falò rituali, barbecue e fuochi d'artificio scopo intrattenimento • (di cui all’art. 2

comma 1 lettera b) del D.Lgs. 29 luglio 2015, n. 123);

• fino al 15/04/2022 il divieto di spandimento di liquami zootecnici; sono fatti salvi gli

spandimenti mediante iniezione o con interramento immediato;

con livello di allerta 2 – colore rosso:

• la temperatura media in ambiente, misurata ai sensi del D.P.R. 74/2013, non potrà superare i:

? 18°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/1993, con le

sigle:

? E.1 - residenza e assimilabili;

? E.2 - uffici e assimilabili;

? E.4 - attività ricreative o di culto e assimilabili;

? E.5 - attività commerciali e assimilabili

? E.6 – attività sportive;

? E.7 - attività scolastiche

? 17°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/1993, con la

sigla E.8 - attività industriali ed artigianali e assimilabili;

• il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (legna,

cippato, pellet ...) con una classe di prestazione emissiva: ? inferiore alle “4 stelle” secondo la

classificazione ambientale introdotta dal Decreto n. 186/2017, in presenza di impianto di

riscaldamento alternativo;

• divieto di combustioni all'aperto di materiale vegetale di cui all'art. 185, comma 1 lettera f) del

D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., anche se effettuate nel luogo di produzione e al fine del reimpiego

del materiale come sostanza concimante o ammendante, in ambito agricolo fatte salve le

necessità di combustione finalizzate alla tutela fitosanitaria di particolari specie vegetali disposte

dalle competenti autorità;

• il divieto di falò rituali, barbecue e fuochi d'artificio scopo intrattenimento di cui all’art. 2

comma 1 lettera b) del D.Lgs. 29 luglio 2015, n. 123);

• fino al 15/04/2022 il divieto di spandimento di liquami zootecnici e dei materiali ad essi

assimilati; sono fatti salvi gli spandimenti mediante iniezione o con interramento immediato;

• potenziamento dei controlli con particolare riguardo al divieto di utilizzo degli impianti termici a

biomassa legnosa, di combustione all’aperto, di divieto di spandimento dei liquami e di fuochi e

falò;

… omissis …. (vedi allegato per il testo completo Ordinanza)

ORDINANZA del Sindaco n. 5 2021 riscaldamento (556 KB)

 

 

Scegli il colore del sito:

Indirizzo
Comune di Ponte San Nicolò
Viale del Lavoro, 1
35020 Ponte San Nicolò (PD)
Altri dati
Cf e p.iva 00673730289
Codice Catastale: G855
Codice ISTAT: 028069
Codice Univoco identificativo dell'ufficio destinatario della Fatturazione Elettronica: UF0RD1 (u-effe-zero-erre-di-uno)