aggiornato il 15/10/2020

Limitazioni per impianti termici civili e combustioni all'aperto.

“misure per limitazione d'esercizio degli impianti termici civili e delle combustioni all'aperto - anno termico 2020/2021

Dal 15 ottobre 2020 al 31 marzo 2021  

L’ordinanza segue i livelli di allertamento:

I provvedimenti sono strutturati su tre livelli (verde, arancio e rosso) che si applicano in base alla comunicazione di Arpav in merito ai dati di concentrazione di PM10. La comunicazione di Arpav viene trasmessa, al Comune, ogni lunedì e giovedì (giorni di controllo) e fa riferimento ai giorni antecedenti. Al raggiungimento del livello di allerta (arancio o rosso) si attiveranno le misure temporanee il giorno successivo a quello di controllo (il martedì e venerdì) e resteranno in vigore fino al giorno di controllo successivo.

Il bollettino emesso da Arpav è consultabile all’indirizzo 
www.arpa.veneto.it.


LIVELLO VERDE (nessuna allerta) 
E' prevista la limitazione della temperatura degli ambienti che non deve superare:

  • 19 gradi (con tolleranza di 2° C) nelle abitazioni, negli uffici e negli esercizi commerciali, 
  • i 17 gradi (con tolleranza di 2° C) negli edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali.

E' previsto inoltre:

  • il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici (caldaie, stufe, caminetti...) alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet...) di classe 3  stella (classificazione ai sensi del Decreto n. 186 del 07/11/2017), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo.
    Per conoscere la classe di appartenenza del generatore a biomassa legnosa contattare il proprio installatore;
  • il divieto di combustioni all'aperto di piccoli cumuli di materiale vegetale da attività agricole e forestali.

Le limitazioni vengono applicate dal 15 ottobre 2020  al 31 marzo 2020, da lunedì a domenica. 
Il provvedimento ha efficacia su tutto il territorio cittadino.


 LIVELLO DI ALLERTA 1° - ARANCIO (dopo 4 gg. consecutivi di superamento del valore di 50 µg/m3 di PM10)
E' prevista la limitazione della temperatura degli ambienti che non deve superare:

  • 19 gradi (con tolleranza di 2° C) nelle abitazioni, negli uffici e negli esercizi commerciali, 
  • 17 gradi (con tolleranza di 2° C) negli edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali.

E' previsto inoltre:

  • il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici (caldaie, stufe, caminetti...) alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet...) di classe  3 stelle (classificazione ai sensi del Decreto n. 186 del 07/11/2017), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo.
    Per conoscere la classe di appartenenza del generatore a biomassa legnosa contattare il proprio installatore;
  • il divieto di combustioni all'aperto di piccoli cumuli di materiale vegetale da attività agricole e forestali;
  • il divieto di falò rituali, fuochi d'artificio, barbecue, salvo deroghe previste in ordinanza
  • il divieto di spandimento di liquami zootecnici.

Le limitazioni vengono applicate dal 15 ottobre 2020 al 31 marzo 2021, da lunedì a domenica. 
Il provvedimento ha efficacia su tutto il territorio cittadino.


LIVELLO DI ALLERTA 2° - ROSSO (dopo 10 giorni consecutivi di superamento del valore di 50 µg/m3 di PM10)
E' prevista la limitazione della temperatura degli ambienti che non deve superare:

  • 19 gradi (con tolleranza di 2° C) nelle abitazioni, negli uffici e negli esercizi commerciali, 
  • 17 gradi (con tolleranza di 2° C) negli edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali. 


E' previsto inoltre:

  • il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici (caldaie, stufe, caminetti...) alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet...) di classe,  3 stelle  e 4 stelle (classificazione ai sensi del Decreto n. 186 del 07/11/2017), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo.
    Per conoscere la classe di appartenenza del generatore a biomassa legnosa contattare il proprio installatore;
  • il divieto di combustioni all'aperto di piccoli cumuli di materiale vegetale da attività agricole e forestali;
  • il divieto di falò rituali, fuochi d'artificio, barbecue, salvo deroghe previste in ordinanza (vedere sezione "Documenti" di questa pagina);
  • il divieto di spandimento di liquami zootecnici.

Le limitazioni vengono applicate dal 15 ottobre 2020 al 31 marzo 2021, da lunedì a domenica. 
Il provvedimento ha efficacia su tutto il territorio cittadino.


[15/10/2020]

 

 

Scegli il colore del sito:

Indirizzo
Comune di Ponte San Nicolò
Viale del Lavoro, 1
35020 Ponte San Nicolò (PD)
Altri dati
Cf e p.iva 00673730289
Codice Catastale: G855
Codice ISTAT: 028069
Codice Univoco identificativo dell'ufficio destinatario della Fatturazione Elettronica: UF0RD1 (u-effe-zero-erre-di-uno)